“Non è pericoloso”: 80enne esce dal carcere e fa a pezzi una donna davanti ai figli


Albert Flick, 77 anni, ha scontato 25 anni dopo aver ucciso a pugnalate sua moglie di fronte a sua figlia nel 1979. Poi è stato imprigionato per quattro anni dopo aver aggredito una donna nel 2010. Ora è probabile che muoia dietro le sbarre dopo essere stato condannato per aver ucciso a morte Kimberley Doddie, 48 anni, di fronte ai suoi figli gemelli, 11 anni, poco più di un anno fa a Lewiston, nel Maine.

Da qualche tempo era ossessionato dalla donna, tanto da seguirla ovunque si trovasse, persino in chiesa, in biblioteca e alle fermate dell’autobus. La sua opera di persecuzione è stata confermata da diversi testimoni e dalle immagini delle telecamere di sorveglianza. Le stesse telecamere hanno ripreso anche il brutale omicidio. L’anziano l’ha colpita con undici coltellate. È stato arrestato ed è immediatamente tornato dietro le sbarre. (Continua a leggere dopo la foto)




Durante il processo, il procuratore generale ha definito Flick “ossessionato [da Kimberly, ndr]. Avrà pensato: ‘Se non posso averla, allora la ucciderò’”. A incastrarlo, non soltanto il racconto dei due bambini, sotto shock, ma anche le immagini delle telecamere di sorveglianza. L’omicidio, infatti, è avvenuto sui gradini davanti a una lavanderia a gettoni. Kimberly e i suoi bambini erano seduti lì quando sono stati raggiunti da Flick. L’anziano seguiva la donna, una senza tetto, dappertutto. (Continua a leggere dopo la foto)



Che si trovassero alla Missione Hope Haven Gospel o in altri luoghi della città di Lewiston, come in biblioteca o alle fermate dei bus, Flick c’era. Lo hanno raccontato alcuni testimoni al Sun Journal. “Chiunque conoscesse Kim, la amava per il suo spirito gentile”, è scritto nel necrologio della vittima. “Aveva un sorriso per tutti e una mente sveglia e faceva amicizia con chiunque incontrasse. Amava la spiaggia e il Natale. I suoi due gemelli erano la sua più grande gioia”. Un messaggio per i due bambini della Dobbie è arrivato, attraverso la stampa locale, dalla figlia, oggi quarantenne, della prima moglie di Albert Flick, Sandra Flick, accoltellata a morte 40 anni fa. (Continua a leggere dopo la foto)


In a Monday, July 15, 2019 photo, Albert Flick, sits in court at his murder trial in Auburn, Maine. A jury convicted Flick on Wednesday in the 2018 death of 48-year-old Kimberly Dobbie. (Andree Kehn/Sun Journal via AP)

 

“Ancora ricordo – ha raccontato Elsie Kimball, che allora aveva 12 anni – il giorno in cui quell’uomo venne a casa dopo che mio madre gli aveva fatto avere i documenti del divorzio”. “Mi ero nascosta dietro la porta della mia stanza da letto, perché non volevo incontrarlo”, prosegue. “Poi – conclude – ricordo di averla sentita urlare e chiamare il mio nome. Corsi fuori dalla stanza ma era troppo tardi”.

Fratellini di 1 e 3 anni annegano nella piscina di casa: “Siamo distrutti”