Cristian stupra l’ex, provoca volontariamente un incidente e uccide una donna


”Vederti ridere in quel modo dopo quello ti ho detto, è stato troppo. Così hai veramente messo fine alla tua vita”. Questo uno dei tanti messaggi minatori inviati da Cristian Barzan all’ex fidanzata che lo aveva lasciato. . Minacce sulle quali sarebbe cresciuto quel ”folle disegno omicida” che, secondo la Procura di Treviso, il 21enne di Quinto ha messo in atto venerdì notte, lungo via Capitello a Povegliano.

Il giovane ha violentato la ragazza poi ha tentato di uccidere la giovane e se stesso, sterzando bruscamente mentre era alla guida della sua Alfa Romeo Mito e provocando l’incidente in cui, invece, a perdere la vita è stata Giuseppina Lo Brutto, pensionata 62enne di Treviso. Lo scrive il gip Angelo Mascolo nell’ordinanza di custodia cautelare: il giovane è stato arrestato con le accuse di omicidio volontario, tentato omicidio, violenza sessuale e stalking. (Continua a leggere dopo la foto)




E con la quale ha disposto che, non appena le sue condizioni di salute lo renderanno possibile, Barzan sia trasferito dall’ospedale Ca’ Foncello di Treviso al carcere di Santa Bona. Il 21enne sarebbe ”gravemente pericoloso. Ha un’indole violenta e potrebbe tentare ancora di uccidere la fidanzata”. Per la Procura di Treviso infatti i messaggi inviata da Christian Barzan alla giovane negli ultimi sei mesi, in cui cercava di ricomporre la rottura del loro rapporto, conterrebbero in molti casi minacce di questo tipo. (Continua a leggere dopo la foto)



Messaggi, inviati a centinaia, risalenti alla seconda metà di maggio e rivolti alla ex fidanzata che però non gli risponde quasi mai, se non per dirgli di smetterla ”altrimenti vado a denunciarti”. ”Ho avuto un rapporto sessuale completo con lui – ha raccontato Giorgia ai medici sul luogo dell’incidente – avevo paura che se gli avessi detto di no lui avrebbe potuto farmi del male”​. Tutto confermato anche dalla madre di lei: ”Era una storia difficile, lui negli ultimi tempi era diventato possessivo e violento”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Gli inquirenti hanno acquisito agli atti e i tabulati relativi alle conversazioni avvenute tra i due attraverso le messaggerie telefoniche. Domani intanto, venerdì, si svolgeranno i funerali di Giuseppina Lo Brutto. Una cerimonia con il rito laico che i familiari della donna, ancora molto provati dalla tragedia, hanno deciso si svolgerà in forma strettamente privata.

“Fai schifo”. Lo insultano su Facebook: giovane papà si toglie la vita a 27 anni