Disoccupati dormivano in auto: un imprenditore offre loro un lavoro e una casa


Da circa due mesi Antonella, Paolo e Massimo dormivano in una macchina in pieno centro a Velletri insieme al loro cane, Jerry, un cucciolo di setter. La loro casa era diventata una Nissan Micra che avevano parcheggiato in via Pieroni e lì dentro hanno trascorso molte notti dopo essere stati licenziati. La storia dei tre era stata raccontata dal Messaggero. Una storia caratterizzata dalla disoccupazione e dal baratro che si è aperto loro sotto i piedi quando tutto è cominciato ad andare storto.

“Fino al 2015 ho lavorato come operaio edile per una ditta, poi venni licenziato e cominciò anche il declino del mio matrimonio. L’hanno dopo ho divorziato e mi sono trovato a vivere ospite di amici dove capitava. Sono andato avanti con piccoli lavoretti saltuari, manutenzione, giardinaggio o quello che capitava. Poi neanche più quello e si è aperto il baratro. Ho chiesto lavoro dovunque ma quando sanno che ho 47 anni mi chiudono la porta in faccia”, aveva raccontato Massimo, proprietario dell’auto-casa. (Continua a leggere dopo la foto)








Il gruppo si è composto questo inverno quando il comune di Velletri ha dato vita al progetto “Emergenza freddo”, quando hanno potuto usufruire di un alloggi nei mesi più freddi. In quel periodo ha conosciuto un suo coetaneo, Paolo Navarra, anche lui 47enne e la sua compagna 29enne, anche loro disoccupati e caduti in miseria dopo essere arrivati a Velletri con la speranza di un lavoro in un bar. A pochi giorni dalla notizie lanciata dal quotidiano romano per i tre è arrivata la svolta. (Continua a leggere dopo la foto)






Un imprenditore di Velletri (Roma), Daniele Santini, ha deciso di offrire loro vitto, alloggio e un lavoro. Daniele Santini è un noto ristoratore della zona, titolare tra l’altro del ristorante Paradiso. Dopo essersi confrontato con i genitori, il fratello e la moglie, ha deciso di dare una mano ai tre disoccupati che da due mesi vivevano in una condizione di dignitosa indigenza. I tre erano tutti giunti a Velletri in cerca di un lavoro in qualche bar, ma per diverse vicissitudini si sono ritrovati disoccupati. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Santini ha incontrato i tre sulla scalinata del municipio di Velletri, proponendo loro una sistemazione abitativa, il vitto e la speranza di un lavoro in una delle sue attività ristorative. L’imprenditore ha ricevuto i ringraziamenti del sindaco Orlando Pocci e dell’assessore ai servizi sociali Giulia Ciafrei. Quest’ultima ha spiegato che il Comune era impossibilitato ad offrire una casa e un lavoro ai tre. Antonella, Paolo e Massimo saranno impiegati con regolare contratto nell’ambito dell’azienda di famiglia del benefattore, titolare di un ristorante. “Spero che il mio gesto sia di buon esempio anche per altri”, ha dichiarato Santini al Messaggero.

Va dal dentista per un mal di denti, 35enne perde il bambino che aveva in grembo

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it