Conosce ragazzina in rete, la porta da McDonald’s e al cinema poi abusa di lei


Trentaquattro anni, era diventato papà per la prima volta da poco quando ha conosciuto in rete una ragazzina e, dopo averla convinta a incontrarsi, ha abusato di lei nella sua auto. Robert Smith, questo il suo nome, è stato poi fermato e arrestato dalla polizia britannica a Kingston upon Hull, nella regione dello Yorkshire, con l’accusa di abusi sessuali su minore e sfruttamento sessuale dopo che sul suo cellulare sono state trovate anche fotografie ‘hot’ della minorenne.

Stando a quanto ricostruito dall’accusa, come riporta il Mirror, il trentaquattrenne, sposato e con un bimbo piccolo, ha conosciuto la vittima, una ragazzina adolescente, online, su una chat, e ha poi spostato la conversazione sui social. Quindi, dopo circa due settimane che parlava con la minore in rete, l’ha convinta a incontrarlo. (Continua dopo la foto)








Smith si è quindi spostato da Halifax a Hull per vedere la ragazzina. Si sono visti per strada, vicino alla scuola di lei, scrive ancora il Mirror, e lui l’ha portata dapprima a mangiare al McDonald’s, poi al cinema. Infine ha avuto un rapporto sessuale con lei in macchina. Ma prima che i genitori dell’adolescente scoprissero tutto, i due hanno avuto altri due incontri. (Continua dopo la foto)






La seconda volta che si sono incontrati, Robert Smith aveva anche prenotato una stanza in un albergo per avere rapporti con la minore. E sono tornati in quell’hotel anche un’altra volta, dopo che l’uomo aveva portato la ragazzina a mangiare in un ristorante cinese. Tre giorni dopo, poi, Smith è finito in manette. (Continua dopo la foto)



 


I genitori della ragazzina hanno scoperto che era stato Smith a telefonare a casa per avvertire che la loro figlia si trovava a casa di un compagno di scuola di cui lui si era finto padre. Il trentaquattrenne si è difeso sostenendo che non conosceva l’età della ragazzina ma le chat sul suo telefono e la nota che gli ha mostrato la polizia in cui c’erano scritti il nome completo e la data di nascita della minore lo hanno incastrato.

Tortura un disabile con l’acqua bollente e gli fa cantare ‘Barbie girl’

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it