È morta a 18 anni nel suo letto dopo una serata di “canti e divertimento”


Aveva da poco incontrato la sua nuova fidanzata e insieme, le due donne, avevano trascorso una notte a cantare e giocherellare a letto. Avevano fatto uso di alcol e droga ma la nottata, da spensierata che era, si è trasformata in un incubo. La giovane make-up artist Jenna Davison, di 18 anni, è morta. Dopo quella serata fatta di passione e romanticismo, insieme alla sua nuova fiamma, conosciuta da poco su Tinder.

La giovane aveva già fatto uso di droga ma per scopo medico: nel 2017 era caduta (accidentalmente?) da un finestra e si era rotta la schiena. Per far fronte al dolore insopportabile i medici le avevano prescritto della morfina. La notte prima della sua morte, Jenna aveva bevuto vodka e aveva preso cocaina insieme alla nuova fidanzata Melissa Nottingham. La Nottingham ha detto agli investigatori che Jenna le aveva offerto una pasticca di morfina ma che lei avrebbe rifiutato. Ha inoltre detto di non aver visto Jenna assumere la morfina in questione. Continua a leggere dopo la foto








La coppia ha trascorso la serata/nottata a casa della famiglia di Jenna: le due sono state sentite cantare per ore fino al mattino. Il pomeriggio seguente, però, Jenna è stata trovata morta nel suo letto a Bridgend, nel sud del Galles. A ritrovarla senza vita è stata proprio Melissa. Secondo quanto ha dichiarato, la ragazza era andata al bagno, poi era tornata a letto e aveva controllato il telefono di Jenna. “Le ho dato un bacio e mi sono rimessa a letto” ha detto. Continua a leggere dopo la foto






“Sono andata a prendere la sua mano e mi sono accorta che Jenna non stringeva. Allora le ho dato un bacio sulla bocca e mi sono accorta che le sue labbra erano blu e che lei era gelata – ha raccontato – ho provato a svegliarla, ad aprirle gli occhi ma niente: i suoi occhi erano inanimati”. A quel punto la ragazza è andata a chiamare il padre di Jenna: “Non riesco a svegliare Jenna” gli avrebbe detto. Il padre è andato in camera della figlia e ha provato anche lui a svegliarla. Continua a leggere dopo la foto



 

Nulla. Neanche Jason è riuscito a svegliare Jenna così ha chiamato l’ambulanza. I paramedici arrivati sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della ragazza. “Era la ragazza più felice del mondo, sempre piena di vita” così la mamma di Jenna Maria Davison ha descritto sua figlia. “Sono devastata dalla perdita di mia figlia che era anche la mia migliore amica” ha aggiunto. Melissa è stata poi arrestata per possesso di sostanze stupefacenti, quella che hanno ucciso Jenna la quale, come ha confermato l’esame tossicologico, è morta per abuso di alcol e cocaina.

Morta in casa, giallo sulla fine di Renata: il suo corpo trovato così

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it