3 anni di missione in Afghanistan: quando torna scopre che sua moglie è incinta di 7 mesi


Tante volte vi hanno spiegato che le apparenze ingannano? Ecco, questo è esattamente uno di quei casi. Facendo il conto dei mesi, certo, al soldato si darebbe del ‘cornuto’ senza battere ciglio. Ma l’evidenza è tradita, per sua fortuna, dai fatti. Che sono belli. Questa è una storia a lieto fine. Non ci sarà l’uomo tradito che fa la scoperta choc al ritorno da una missione così dura e così lontano da casa. C’è il lieto fine, insomma. La coppia è salva. Almeno questa volta…

È la storia raccontata dal magazine online OhMyMag e narra le vicende della coppia di neo sposi: Josh e Sarah, così si chiamano i protagonisti. Una vicenda che ne giro di poco tempo ha fatto il giro del web. Perché, sì, merita di essere segnalata. (continua dopo la foto)







Josh è un soldato che durante la sua missione per tre anni, si è ritrovato con una bellissima sorpresa quando è tornato a casa… I due ragazzi si sono sposati molto giovani, ma non riuscivano ad aver figli. Così le hanno provate tutte per cercare di avere un bambino, il loro primogenito. Inizialmente hanno tentato l’inseminazione artificiale, ma senza successo. Ad un certo punto, però, la coppia ha dovuto rinunciare temporaneamente all’idea, in quanto Josh sarebbe partito per tre lunghi anni in missione in Afghanistan a causa del suo lavoro. (continua dopo la foto)




Eppure Sarah non si è arresa, il desiderio di essere mamma era troppo forte. Ha allora trovato un’altra soluzione, senza che il marito ne fosse a conoscenza. Alla fine, la donna è riuscita a rimanere incinta proprio qualche mese prima che Josh facesse ritorno! (continua dopo la foto)


 

Quando il soldato è tornato a casa e ha visto sua moglie non poteva credere ai suoi occhi… Sarah, all’insaputa del marito, aveva deciso di continuare il trattamento grazie agli spermatozoi congelati del marito. Ecco che la sorpresa del marito è stata unica, il regalo più bello del mondo che potesse mai ricevere.

Gratta e vinci da 2 milioni di euro, poi via con la famiglia: “A notte fonda era già fuggito”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it