Gratta e vinci da 2 milioni di euro, poi via con la famiglia: “A notte fonda era già fuggito”


La fortuna, si sa è cieca, ma la vittoria ci vede benissimo. E così l’eroe di questa storia non ha voluto rischiare nulla e, appena si è reso conto dell’enormità della sua vincita, non ci ha messo più di qualche ora per impacchettare tutto e sparire dalla cittadina in cui viveva da anni con la sua famiglia. Ma andiamo per ordine. Tutto inizia quando il fortunato sconosciuto ordina al solito bar di un paese in provincia di Padova, uno spritz e un biglietto del Gratta e Vinci da 20 euro. Comodamente seduto ai tavolini sulla piazza ha iniziato a godersi, come tante altre volte, la “grattata”.

Ma via via che la copertura veniva rimossa dalla moneta, le mani devono avergli iniziato a tremare. Il numero magico? Il 39 che continuava a comparire sia tra i numeri vincenti che tra quelli indicati in basso. L’ammontare della vincita invece è quelle da non credere ai propri occhi: due milioni di euro… (Continua dopo la foto) 



Gli stessi titolari del bar, quando il nostro eroe gli ha comunicato la vincita, pensavano si trattasse di una burla. Ma quando il vincitore si è offerto di pagar da bere a tutti, allora hanno iniziato proprio a crederci. Pochi minuti per festeggiare con i vecchi amici del bar e poi via di corsa a casa dalla famiglia. Sull’altra sua identità gli esercenti mantengono i riserbo, aggiungendo solo poche note: “È una persona generosa, che ha vinto altre volte anche se cifre inferiori e quando vince paga sempre da bere”. (Continua dopo la foto)






Una volta a casa passa all’azione e mette in pratica il suo piano: ordina alla famiglia di fare le valigie, si mette alla guida della sua auto e lascia il paese: “Già a notte fonda era fuggito. – dicono i paesani – Troppo alto il rischio di restare qua. Roba che lo rapiscono”. Di sicuro su di lui si sa che è un operaio, ma in realtà orami possiamo dire che “era” un operaio dal momento che probabilmente da domani smetterà di lavorare. “Di certo – aggiunge il proprietario del bar – finirà di pagare il mutuo”. (Continua dopo la foto)



 

Ovviamente la notizia è volata veloce di bocca in bocca fino a giungere alle orecchie del primo cittadino che ha sentito il bisogno di richiamare i suoi compaesani pronti a saccheggiare i Gratta e Vinci del circondario: “Speriamo che il gioco non degeneri in ludopatia, restando uno sporadico tentativo di intercettare la fortuna e un sano divertimento, più che un’illusione”. Che poi, in questo caso, più che di illusione si deve parlare di solida, solidissima realtà… Auguri al nostro amico per la sua nuova vita!

Da maestra d’asilo a prostituta: incastrata dalla telecamera

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it