Ornella, morta nella 600 diventata la sua casa. Cosa si è scoperto sulla donna


La conoscevano tutti Ornella Occhini. La vedevano passare, con un sorriso sempre pronto per chi incontrava il suo sguardo. 53 anni, l’animo gentile e una scelta di vita che le è costata la vita. Un eremitaggio quella di Ornella Occhini di Poggio del Drago che, da qualche anno, aveva deciso di vivere dentro la sua auto: una vecchia fiat 600 con le fiancate danneggiate parcheggiata sotto un grande leccio.

Capelli bianchi mal tenuti, infagottata in vestiti improvvisati, silenziosa, qualche parola soltanto alla Caritas del paese di Pupo quando andava a ritirare qualche pasto: è morta di freddo. «E’ una perdita per la nostra comunità» dice la sindaca Simona Neri che ricorda come Ornella fosse quasi stata adottata dai paesi del territorio. «La gente le voleva bene, le portava pasti per ristorarla, tanti le offrivano anche un riparo al caldo per la notte ma lei rifiutava sempre, non è mai stata disposta a rinunciare a quella vita errabonda». (Continua dopo la foto)








Il comune di Laterina Pergine aveva cercato alcuni anni fa di inserirla in un programma di aiuto e aveva mobilitato anche le assistenti sociali: ma nulla da fare, Ornella Occhini non voleva, garbatamente diceva di no, intendeva stare da sola e portare avanti una scelta di vita estrema. La vecchia 600 era il suo rifugio, lì passava le sue notti sotto un grande leccio, d’inverno avvolta in una coperta che però, evidentemente, non è bastata a proteggerla nel corso delle sue ultime ore. (Continua dopo la foto)






Religiosa, per Natale aveva allestito anche un piccolo presepe accanto all’auto e andava regolarmente a Messa.
Una scelta, quella di Ornella Occhini, che trova verità diverse. In paese le voci si intrecciano, si parla di una delusione amorosa avuta una decina di anni fa e forse anche di più. Ornella sarebbe stata lasciata dal partner, tradita pure finanziariamente fino a restare in miseria. (Continua dopo la foto)



 


Un trauma improvviso e per lei devastante che avrebbe condizionato la sua esistenza in modo irrimediabile fino a portarla a chiudere i rapporti con il mondo. E questo nonostante molte persone si interessassero alla sorte di una donna mite ed educata, risoluta a non accettare aiuti da nessuno se non un pasto caldo, l’acqua in estate, qualche spicciolo in elemosina. Un vuoto, quello di Ornella Occhini, che resterà non solo nel cuore di chi le ha voluto bene, ma in quella di tutto il paese. La data dei funerali di Ornella Occhini non è ancora stata fissata.

Ti potrebbe anche interessare: “Perché proprio tu?”. Luca se n’è andato a 48 anni. Lo strazio della moglie Alessandra

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it