Noemi Nesi, morta a 11 anni appena: lo strazio dei piccoli compagni di classe


Il cuore della piccola Noemi Nesi ha smesso di battere domenica pomeriggio. Aveva solo 11 anni e un trapianto di cuore alle spalle. I genitori l’hanno trovata senza vita nella sua cameretta a Bomporto, in provincia di Modena. Noemi Nesi era nata con una grave malattia cardiaca: ha vissuto i primi nove mesi della sua vita attaccata a un “cuore artificiale” – di solito la durata massima è di tre mesi – prima di trovare un donatore che le salvasse la vita. Da allora, nonostante alcune disabilità, la piccola ha vissuto una vita normale e amava andare a scuola. Le maestre – riporta “Il resto del Carlino” – dicono di lei: «La bellezza di Noemi Nesi ci fa dire che la disabilità è una vera ricchezza. Da quando era arrivata da noi, circa un anno e mezzo fa, era riuscita a cambiarci tutti in meglio. I bambini l’adoravano e lei adorava loro e noi». (Continua dopo la foto)





Alle 17 e 45 di domenica la terribile scoperta dei genitori: i soccorsi sono arrivati sul posto immediatamente, ma i tentativi di rianimare Neomi Nesi a sono stati vani. «I bambini sono inconsolabili – raccontano ancora le maestre – e noi lo siamo altrettanto al punto che siamo tutti supportati da uno psicologo». Insegnanti che hanno anche avuto il compito di informare i compagni di classe sulla prematura scomparsa della bambina. (Continua dopo la foto)






«Noemi non è venuta, il suo cuoricino era stanco di battere, ma sarà sempre con noi, voi ricordatela sempre allegra e lei da lassù continuerà a sorriderci». Si terranno oggi alle 10, nella sala parrocchiale post sisma, a Sorbara, i funerali della piccola che era stata seguita, pochi mesi dopo la nascita, nel 2007, dal reparto delle Unità Operative di Cardiologia Pediatrica e di Cardiochirurgia Pediatrica per le compromesse condizioni critiche con diagnosi di cardiomiopatia dilatativa e scompenso cardiaco grave. (Continua dopo la foto)



 


Dopo una lunga attesa di due mesi e in assenza di una donazione d’organo, i medici avevano deciso di ricorrere a un «cuore artificiale». Il 21 gennaio 2008, a circa sei mesi di vita, la piccola era stata sottoposta all’impianto di un cuore artificiale. Finalmente il 7 novembre 2008 l’équipe del Sant’Orsola aveva eseguito il trapianto grazie a un piccolo donatore che la mamma di Noemi aveva voluto ringraziare. Una vita troppo breve ma che ha lasciato il segno in quella di molti.

Dietro le quinte del potere Business.it

Ti potrebbe anche interessare: Incendi California. Ritrova il gatto perso tra le fiamme: la ragazza lo abbraccia in lacrime

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it