Scomparsa da anni, trovata mummificata in casa. Choc in Italia


Ufficiosamente scomparsa dal 2009, ufficialmente da casa sua non si è mai mossa.  L’olezzo insostenibile ha permesso di rinvenire il corpo di una donna in avanzato stato di decomposizione in un appartamento di via Vezzola 24 a Martinsicuro. Il corpo mummificato, verosimilmente riconducibile a Marisa Cristante, classe 1932, residente a Pozzaglia Sabina (Rieti), è stato trovato vicino al letto in un appartamento di Martinsicuro (Teramo), dal personale della Squadra Mobile e del Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica, coadiuvati dai Vigili del Fuoco: la scomparsa della donna risalirebbe ad anni fa e risultava agli uffici di polizia di Rieti. (Continua a leggere dopo la foto)








Per assenza di parenti, le ricerche non avevano dato alcun esito sino a quando non si è scoperto che la donna era proprietaria di un appartamento in un condominio di via Vezzola nella cittadina rivierasca teramana.  È stato così che il sindaco di Pozzaglia Sabina ha segnalato al Questore di Teramo la proprietà dell’immobile e, immediatamente, è stato inviato sul posto il personale della Questura. (Continua a leggere dopo la foto)






Qui, d’intesa con la Procura di Teramo, è stata riscontrata la presenza del corpo senza vita della donna. Il sostituto procuratore di turno ha disposto la rimozione della salma. Agenti della squadra mobile di Rieti e Teramo sono entrati all’interno dell’appartamento con l’aiuto dei vigili del fuoco, facendo poi la scoperta. Il corpo dell’anziana era ormai mummificato. Sul posto anche la polizia scientifica per i rilievi del caso. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Nel 2010 a denunciare la scomparsa di Marisa Cristante era stato un vicino di casa. Le indagini, poco dopo, si sono arenate anche per via della mancanza di parenti interessati al ritrovamento della donna. Morta probabilmente per cause naturali: nel 2009 aveva 79 anni.

Leggi anche:

“Sei incinta?”. Non lo era. E aveva dolori lancinanti. Dopo anni, la scoperta

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it