“Dio vi benedica!”. Il regalo degli studenti fa scoppiare il bidello in lacrime. “Non poteva crederci”


 

Ogni giorno il web regala delle storie. Arrivano da ogni parte del mondo e alcune meritano proprio di essere raccontate, quindi diffuse. Come quella di un bidello di un’università britannica che ha fatto subito il giro della rete e che dovrebbe servire da esempio per tutti. Gli studenti si sono resi protagonisti di un gesto di generosità e di affetto che Herman Gordon, l’addetto alle pulizie in questione, non dimenticherà mai. Non se l’aspettava, è rimasto letteralmente senza parole di fronte al ‘fatto compiuto’. Eppure Herman le parole giuste è sempre riuscito a trovarle per sollevare il morale agli studenti scoraggiati da un insuccesso e a far tornare il sorriso a quelli delusi. Ha sempre fatto tanto per i ‘suoi’ ragazzi, che studiano all’università di Bristol, e per questo motivo hanno voluto mostrargli tutta la loro gratitudine. In che modo? Come riporta Vanity Fair, uno dei tanti giornali a riportare la storia di Gordon, attraverso la piattaforma di crowdfunding Just Giving gli studenti dove hanno raccolto 1500 sterline, che equivalgono a circa 1700 euro. (Continua dopo la foto)








Con quei soldi Herman avrebbe finalmente potuto fare un viaggio in Giamaica e riabbracciare così la sua famiglia che non vede dal 1967. È in quell’anno che Herman, che ha altri nove fratelli, si è trasferito nel Regno Unito. Poi, 23 anni fa, si è sposato con Denise e ha trovato lavoro come bidello. Ma da quando ha lasciato la Giamaica non c’è più tornato. Immaginate la sorpresa e la commozione quando uno studente gli ha consegnato la busta con una lettera e con il denaro raccolto per andare finalmente in ferie. Proprio lì, nella sua terra. (Continua dopo la foto)






Non appena Herman Gordon ha capito di che cosa si trattasse, non è riuscito a trattenere le lacrime e ha abbracciato il ragazzo: “Quando succede qualcosa di questo tipo, è perché qualcuno ti ama – ha raccontato – Mi sento fortunato. Cerco di fare del mio meglio con gli studenti per aiutarli. Quando pulisco la biblioteca, parlo con loro, cerco di dare dei consigli. Cerco di incoraggiarli a fare del loro meglio nella vita”. Gli studenti lo adorano. Uno di loro in un post ha scritto che “il bidello giamaicano della biblioteca di scienze biomediche è l’uomo più allegro che abbia mai incontrato. Mi fa sorridere sempre. Se ne hai bisogno, vai a parlare lui per un minuto o due. Chiunque sia stato nella biblioteca sa chi è Herman. In poche parole, è il simbolo della felicità”. (Continua dopo la foto)



 


“E ancora, prosegue lo studente: “Tutto l’anno, quest’uomo lavora per ore e ore per fornirci uno spazio pulito in cui studiare. Ma soprattutto, la sua immensa energia positiva e le sue chiacchiere sono riuscite a trasformare i giorni bui di molti studenti in momenti positivi e pieni di gioia. Sia che ti senta in difficoltà per qualcosa che capita fuori dall’università o stressato a causa degli esami, Herman è sempre lì per parlare con te. La felicità non riguarda ciò che possiedi, che lavoro hai o quanti soldi hai, ma quando sai apprezzare ciò che hai nella vita”. La moglie di Gordon ha rivelato che Herman “era così emozionato che non riusciva a tirar fuori le parole, piangeva al telefono. Era scioccato, ma così tanto felice. Semplicemente sopraffatto dalla gentilezza degli studenti”.

Ha tanto sognato il terzo figlio e, dopo 5 anni di tentativi, finalmente resta incinta. Ma, all’ecografia di controllo, fa una scoperta choc. Panico totale

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it