Picchia la moglie con una spigola: lei in ospedale, lui arrestato


“Presa a pesci in faccia”. E non nel senso del popolare detto, ma letteralmente. È accaduto a Tarquinia, paesino nella provincia di Viterbo, nell’alto Lazio domenica 26 maggio. Come riporta l’edizione locale de ”Il Messaggero”, un uomo ha picchiato la moglie con una spigola ed è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni.

I carabinieri di Tarquinia sono intervenuti in località San Giorgio (Tarquinia) dove i carabinieri della locale stazione sono intervenuti a seguito della richiesta di aiuto di una cinquantenne. Era circa mezzogiorno quando all’interno delle abitazione un’accesa lite coniugale è degenerata sfociando in violenza fisica. (Continua a leggere dopo la foto)








Sempre secondo quanto riportato da ”Il Messaggero”, la coppia si trovava in cucina quando l’uomo, dopo aver aggredito verbalmente la donna, ha afferrato una grossa spigola che era poggiata sul piano cottura e ha iniziato a colpire più volte la donna al volto. Nel tentativo di proteggersi dai violenti colpi di pesce, si è tagliata una mano. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Tarquinia, i quali hanno trasportato la donna al pronto soccorso dell’ospedale di Tarquinia. (Continua a leggere dopo la foto)






Qui i medici hanno suturato la ferita e calmato la signora in evidente stato di agitazione – poi hanno condotto il marito in caserma. Lì l’uomo, dopo le formalità di rito, è stato arrestato. Il quarantottenne di origini romene, su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stato trasferito nel carcere di Civitavecchia in attesa dell’udienza di convalida. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Dagli accertamenti degli uomini del maresciallo Girelli è emerso che purtroppo quello di ieri non è il primo episodio di violenza domestica. L’uomo, infatti, aveva già malmenato la moglie in passato costringendo forze dell’ordine ad intervenire in più occasioni. Nei suoi confronti erano state adottate misure di allontanamento che, evidentemente però, non sono state sufficienti per mettere al sicuro la donna.

“Come potrò amarti come amo tuo fratello?”, la lettera di una mamma al figlio in arrivo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it