Uccide la figlia di soli 5 giorni tagliandole la gola: “Non volevo quella bambina”


Poco dopo aver dato alla luce la sua bambina, ha pubblicato sui social una foto in cui, ancora in ospedale, la tiene in braccio. Una bella foto di famiglia, in cui la neo mamma sorride felice insieme al neo papà, che è suo marito. Poi, come riporta Metro, cinque giorni dopo il parto, quando era già tornata a casa insieme alla neonata, ha ucciso quella stessa bimba in modo atroce, tagliandole la gola. “Non volevo quella bambina”, avrebbe poi confessato alla polizia la giovane donna, ventinove anni, del New Jersey.

La protagonista di questa storia si chiama Hiralbahen Bhavsar, una mamma statunitense di nemmeno trent’anni che dietro il sorriso che mostrava in quella foto di famiglia scattata poco dopo il parto celava un malessere interiore di cui purtroppo nessuno si era accorto in tempo. “Non sembrava depressa, era normale”, hanno raccontato i parenti. (Continua dopo la foto)








“Non volevo quella bambina” ha confessato infatti la ventinovenne agli investigatori, dopo essere stata arrestata dalla polizia nella sua casa di Little Ferry, nello stato del New Jersey. La tragedia è avvenuta giovedì scorso. Cinque giorni dopo il parto. Dopo aver accoltellato alla gola e al braccio la figlioletta, la 29enne ha telefonato alla polizia, dicendo di avere dolori al petto perché il marito, Jaymin, stava cercando di ucciderla nel loro appartamento. (Continua dopo la foto)






I poliziotti, arrivati sul posto, hanno subito messo le manette ai polsi dell’uomo, ma in casa, nel frattempo, erano già arrivati altri familiari. Questi ultimi hanno chiarito agli agenti che era stata lei. E infatti, dopo poco, Hiralbahen Bhavsar, ha confessato di aver ucciso la sua bambina, che giaceva in un lago di sangue in camera da letto. Ma i parenti hanno anche detto che la giovane. (Continua dopo la foto)



 


Jaymin ha raccontato agli inquirenti che mentre cenava con la moglie, la piccola ha cominciato a piangere. La donna l’ha quindi portata in camera e l’ha lasciata lì. Ha poi afferrato un oggetto dalla cucina, un coltello, ed è tornata nella stanza da letto chiudendo la porta a chiave. È uscita da quella camera solo all’arrivo dei poliziotti, che come detto aveva chiamato lei stessa.

Mistero choc: 34enne ritrovata in un congelatore a pozzetto, era sparita da tempo

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it