Vivevano tra feci e fetore: la vita dell’orrore di 4 bimbi. Colpa di mamma e nonna


Sono stati trovati “allo stato brado”, in un appartamento nella periferia di Mosca e sono stati soprannominati “Mowgli”: i bambini, 3 maschi e una femmina tutti sotto i 9 anni, sono stati trovati dagli agenti in uno stato pietoso. I bambini, tanto per darvi un’idea delle loro condizioni, si nutrivano raccogliendo cibo dai secchioni della spazzatura. Solo due dei quattro bimbi sono stati registrati alla nascita ma nessuno di loro è mai stato visitato da un dottore o ha frequentato asilo o scuola.

Le loro date di nascita sono ignote alle autorità, nonostante la piccola Sofia, 8 anni, è stata registrata alla nascita. Dopo essere stati portati via da quell’appartamento all’interno del quale vivevano in condizioni pietose, sono stati tolti dalla custodia della madre Inessa Kuznetsova, 32 anni, diplomata al college e da sua madre, cioè la nonna dei bimbi, Galina Kuznetsova, 66 anni. Poi sono stati mandati in un orfanotrofio. Continua a leggere dopo la foto








Ora, per fortuna, sono di nuovo tutti insieme, in una famiglia adottiva. I bambini vivevano in un appartamento pieno di spazzatura maleodorante, in condizioni “socialmente pericolose”, questo è quel che hanno detto le autorità di Mytishchi, a nord di Mosca. Non avevano nulla da mangiare a parte pane pieno di muffa ed erano stanchi e sporchi. Continua a leggere dopo la foto






I media russi hanno subito ribattezzato i bambini “Mowgli” a causa delle condizioni ‘bestiali’ nelle quali erano costretti a vivere. Ksenia Mishonova, dei servizi sociali russi ha detto che i bambini aveva un linguaggio sottosviluppato e, a casa, non avevano i letti. “L’odore nell’appartamento era orribile – ha detto un agente di polizia – i bambini facevano pipì in vasini che nessuno puliva. La bambina, 8 anni, non era in grado di distinguere i colori”. Ma la cosa che più fa caso è che i bimbi vivevano in assoluta mancanza di amore. Continua a leggere dopo la foto



 

“Non sono abituati all’acqua e quando sono stati lavati sembravano impauriti – hanno aggiunto gli agenti – non sanno parlare e non sanno usare forchetta e cucchiaio e non hanno mai mangiato altro che pane ammuffito”. I bambini ora sono con una famiglia adottiva: non sarà facile per loro integrarsi nel mondo viste le loro scarse condizioni di sviluppo.

Bimba di 5 anni costretta a vivere tra spazzatura, blatte e fetore. È stata la mamma

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it